cerca

Diritto alla vita 2

13 Dicembre 2011 alle 11:00

Mi associo a quanto detto dal sig. Marra, a cui va tutta la mia solidarietà. Conosco bene il problema che sta vivendo perché anch’io mi sono trovato nella sua stessa situazione, con la differenza che sono stato più fortunato di lui perché sono nato qualche anno prima e dopo aver subìto tre riforme, sono riuscito ad ottenere la pensione l’anno scorso, proprio grazie alla quota 96 . Nessuno parla mai di quelle persone, e sono tante, che hanno perso il lavoro dopo i cinquant’anni e non avendo più alcuna possibilità di trovarne un altro aspettano la pensione per poter continuare a mantenere la famiglia. Allungare i tempi di attesa per il pensionamento è già un grave disagio per chi lavora, ma diventa insostenibile per chi il lavoro non ce l’ha più. E’ ora che qualcuno se ne renda conto e preveda finestre di uscita anticipate per questi casi che non possono rientrare nella fredda e inumana logica ragionieristica della quadratura dei conti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi