cerca

La memoria corta nell'era del "tempo reale"

7 Dicembre 2011 alle 09:30

A quanti ancora vogliono godersi la festa dell'abdicazione di Berlusconi, a quanti ritrovano gioia nella liturgia retorica da regime popolare democratico, con l'umorismo elegante dei guitti nababbi, a quanti fremono per finalmente rispolverare slogan per le parate reducisticoresistenziali (se non ora quando? Bè...proprio ora?), a quanti gongolano nel vedere l'alto senso di responsabbilità dei politici, sempre teeeeso al bene piu alto del paese, sempre teeeeso al sostegno morare e materiale del popolo, sempre teeeso al superamento delle sterili contrapposizioni. Ecco a tutti quanti loro ai quali nemmeno due mesi fa, le dimissioni di un Governo legittimo sembravano "la cacciata del tyranno", a tutti loro ricordiamo che piangere ed opporsi ora, anche furbescamente in Parlamento e strapparsi le vesti, non serve. Non serve né l'empatica opposizione né la sofferta rassegnazione da gendarmi riluttanti. Non serve perché nemmeno due mesi fa, il Tyranno tornava da Bruxelles con una lettera su manovre tutte esseziali e quelle virtuose congreghe si sono bellamente rifiutate di implementarle, persino come decreto con il sostegno "dell'Europa", che hanno avversato abbastanza vigliaccamente a porte chiuse, confidando nell'arbitrato del Capo di Stato, per puro calcolo politico di parte, anzi di partito. Un calcolo basato sulla memoria corta degli elettori e lettori. Ora, cari responsabili sofferenti, oppositori dell'ultima ora, indignati ai quali le circostanze rubano la festa, tenetevi (anzi purtroppo teniamoci) le manovre di lacrime e sangue. Non saremo tanti, ma noi pochi ci ricorderemo cosa avete scritto, detto e fatto un anno fa, e persino due mesi fa. Ce ne ricorderemo tra un anno e anche piú. Ci saranno le vostre sbandierate copertine di Economist e Newsweek a ricordarcelo, ché le immagini rimangono impresse.... Già che ci siamo, ricordiamoci che nel suo archetipico discorso, Churchill non aveva nominato solo Lacrime e Sangue, ma anche il Sudore. Meditateci su.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi