cerca

Una quaresima in tempo di avvento

5 Dicembre 2011 alle 15:00

La ministra Fornero piange in pubblico pensando ai sacrifici delle famiglie povere, ma ella piange di commozione noi invece di dolore. E' proprio vero quello che dice Orazio, che chi viene piangendo ti fa piangere, come Polo sulla scena tragica greca. Tra la squadra di prof. militarmente schierata come il Politburo di Breznev sulle sedie curuli di palazzo Chigi, il suo pianto vale quanto il riso che Cicerone diceva si scatenava tra due sacerdoti che incontrandosi tacitamente si scambiavano opinioni sulla dabbenaggine di chi credeva ai loro auspici. Così il pianto della Fornero tradisce la voce della coscienza di chi sa che la rasatura della barba e dei capelli italici non sono un voto propizio fatto ai numi tutelari della nazione, ma un sacrificio umano immolato ai demoni inferi della grande finanza europea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi