cerca

Le caste virtuose

4 Dicembre 2011 alle 08:30

Se un taxista,difende la sua licenza,è un volgare conduttore,se un farmacista,difende il suo lavoro,è un bieco commerciante,se un pensionato difende i suoi risparmi,non conosce i principi liberali,se un piccolo proprietario di appartamenti,oltre al fitto pluritassato,subisce l'ennesima mazzata,è un redditiere parassita. Da Teodori a Cacciari,da Diliberto a Margherita Hack,è tutto uno sviolinare con tendenza al vibrato,verso le virtù cognitive dell'attuale governo.Ma a noi, malpensanti,resta il dubbio che,con la scusa della cultura,stiano difendendo,il proprio reddito,ed i futuri incarichi,magari in qualche Authority liberatasi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi