cerca

O la borsa o la vita

3 Dicembre 2011 alle 08:00

Il duo Merkosy vorrebbero che gli Europei cedessero il controllo del portafoglio alle istituzioni Europee in cambio di non meglio precisate azioni per risolvere i noti problemi causati in primis dal loro comportamento egoistico, nazionalistico ed anticomunitario. Come incantatori di serpenti o pifferai magici ci vogliono convincere che questa è l'unica strada percorribile ma sbaglio o chi controlla il portafoglio di fatto controlla tutto il governo? Affidare il controllo dei conti con la possibilità di bocciare le manovre vuol dire rendere i cittadini dei sudditi, i politici eletti, e quindi rappresentanti degli elettori, sarebbero sottomessi a dei tecnocrati non eletti muniti di paraocchi che si occuperebbero solo di mantenere i conti in ordine, azione importante ma non esaustiva del governare una nazione. Volendo pensar male tale figure potrebbero anche imporre correzioni atte a favorire una nazione a scapito di un altra e visto che l'Euro è nato con il peccato originale di una cambio con la lira pensato per favorire le imprese tedesche a scapito di quelle italiane non vedo perché questa ipotesi non possa tradursi in realtà. Concludendo, all'Europa si può cedere molto ma non il controllo del portafoglio pena la nascita di un regno europeo governato da tecnocrati di varie nazionalità ma formati nelle scuole tedesche e francesi dove la democrazia sarebbe una parola priva di contenuti e buona solo per mantenere calme le pecore mentre i lupi le azzannano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi