cerca

Povero Silvio!

22 Novembre 2011 alle 15:30

Ovviamente la strategia del Pdl è, in questo frangente, minimizzare le colpe del governo Berlusconi e adossare tutte le colpe alla crisi internazionale, alla Francia e Germania, che avrebbero complottato per fare cadere il Berlusca (non si sa perche') e chi piu' ne ha piu' ne metta. Tuttavia le cifre per fortuna mostrano la vera natura di tutta questa montagna di parole: propaganda politica della peggiore specie, ovvero un mucchio di menzogne (che si vanno ad aggiungere a quelle gia' dette prima della caduta di Berlusconi: la crisi non esiste!). Le cifre, dicevo, dicono questo: debito pubblico che supera orama il il 120% di cio' che produciamo in un anno, mentre nel 2008 (anno in cui Berlusconi riando' al potere, ndr) era al 106%. Dal 2005 al 2010, la crescita del nostro paese, caso unico in Europa, e' stata negativa: -2.2%. Questi sono i numeri signori miei e questi numeri ci dicono perche' siamo sull'orlo del fallimento e perche' i mercati internzaionali, come dimostrato dallo spread, non credevano piu' in quel signore che pur governando per la maggior parte dell'ultimo decennio, non ha fatto nulla per risanare i conti pubblici e rilanciare la crescita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi