cerca

La cosa semplice, perché deve essere impossibile?

7 Novembre 2011 alle 09:32

Sul ring uno spettacolo surreale, due pugili, uno stanco, col fiato corto gioca in difesa, l’altro gli gira intorno, minaccioso, più fresco, cerca di assestare il colpo finale, però è incerto, ha la mente tormentata da un dubbio tremendo:”Cosa me ne farò della vittoria? Certo, strappare il volante di mano agli altri è una grande soddisfazione, ma poi la manutenzione della macchina la dovrei fare io. Brutta rogna”. I numerosi, variopinti secondi dei due sono divisi anche al loro interno, chi si frega le mani e chi se le mette nei capelli. I tifosi in platea si agitano, si sfogano rumorosamente, beatamente incoscienti che, perdurando quel metodo di combattimento, comunque finisca, chiunque prevalga, saranno sempre loro a pagare il biglietto. Non capiscono che l’interesse vero, reale, di tutti loro, sarebbe salire sul ring e costringere i due pugili a smetterla con quello spettacolo indegno e inutile. Sarebbe pure l’unico modo perché il prezzo del biglietto potesse ridursi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi