cerca

Fantapolitica

7 Novembre 2011 alle 16:01

Domani si dovrà ripetere il voto sul rendiconto di bilancio perché la volta scorsa è mancato il voto di un parlamentare che, pur conteggiato nel numero legale, era in carcere per motivi prettamente politico-elettorali (avendo a disposizione una sola parola per dirlo: è napoletano); se andrà male, sui mercati potrebbe succedere di tutto. A me sembrerebbe normale che chi ha sostenuto il governo fino all’altro ieri, vale a dire la maggioranza assoluta dei parlamentari, avesse il buon senso e l’onestà intellettuale di confermare col proprio voto che il governo italiano, per quanto criticabile, non trucca o non sbaglia i conti, tenendosi il mal di pancia solo qualche giorno in attesa del voto di fiducia sul governo. A dire la verità mi sarebbe sembrato normale anche che, vista la situazione, i deputati, a cominciare dal sempre imparziale Presidente della Camera, avessero rinunciato alla tradizionale settimana corta per far vedere ai mercati, all’UE e al FMI che su queste cose tanto importanti quanto (auspicabilmente) estranee alla lotta politica non abbiamo incertezze, non facciamo giochini e non perdiamo tempo. A me sembra normale, a tutti gli altri sembra fantascienza. Magari sono io quello strano, magari basterebbe che mi facessi vedere da uno bravo. Magari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi