cerca

Qual'è il futuro di Matteo Renzi?

1 Novembre 2011 alle 10:04

A proposito di Matteo Renzi in visita ad Arcore, su “La Stampa” Ugo Magri ci racconta che “il vero rimpianto del Cavaliere è di non averlo saputo tirare dalla propria parte”. Non ci credo. Che il Cav. lo abbia in gran simpatia è plausibilissimo, ma figuriamoci se invidia a Bersani un riformista aggressivo e loquace, per giunta gerontofobo! Non è che nel Pdl di oggi i riformisti siano sgraditi: sono tollerati di buon grado, ma devono essere miti e beneducati, inoffensivi e ininfluenti, insomma ornamentali. E’ però ovvio che altrettanto marginali sono Renzi, e Morando, e Chiamparino, e simili, in un partito la cui base, grazie alla predicazione dei due ultimi segretari, è ormai scivolata verso le posizioni di SEL e IDV. Qual è la loro prospettiva in questo PD? Attendono forse il riflusso che potrebbe conseguire, come nel 2008, dal prevedibile disastro nazionale di una nuova ammucchiata di tutti quelli che ci stanno? E dire che in Italia oggi c’è un consistente partito dei delusi, ovvero prossimi astenuti, che potrebbe divenire la sede politica dei riformisti senza se e senza ma, profughi dei due schieramenti. Peccato non provarci, giocando di anticipo!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi