cerca

I 'migliori'

1 Novembre 2011 alle 21:30

Invitato da Matteo Renzi a parlare della sinistra Alessandro Barrico fa una severa autocritica «Io sono cresciuto in una sinistra che ha cercato di vincere a tavolino quasi tutte le partite. Non giocandole... ci siamo anche abituati a questa cosa che quando vince l’altro è perché ha barato. Sempre. Ma è possibile? Possibile che tutte le volte che vince bara? Ma oh! Statisticamente è impossibile… Ma se è il nero (la destra), hai un po’ l’alibi. Avevamo, non so perché, avevamo molta paura di perdere, e quindi di rischiare. Se non c’è rischio, non vinci mai». Queste le parole di Barrico che condivido perché ha centrato il problema politico degli ultimi vent’anni della sinistra. Se si cerca la prova che è andata così basta estrapolare la chiosa in altri ambiti. Moratti, uomo di sinistra e Presidente dell’Inter, si è sempre consolato sostenendo che Juventus vinceva perché manipolatrice (bara) – a Napoli, la Giustizia ordinaria ha dimostrato che tra i bari c’era lui o chi per lui. Altro esempio è Michele Santoro. A La7 non c’è andato perché, dice lui, Berlusconi avrebbe mestato (barato) contro la sua libertà di uomo di sinistra. Che l’ad Stella abbia deciso altrimenti, in autonomia, è fuori dagli schemi di Santoro. Se non ci credete ancora, applicate la regola ad altri ambiti e scoprirete il vero male che affligge una certa sinistra 'credere di essere i migliori salvo accusare gli altri di giocare sporco'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi