cerca

I giacobini di Robespierre

31 Ottobre 2011 alle 12:00

Una rivoluzione strisciante sta scardinando i pilastri delle istituzioni repubblicane, il branco dell’opposizione giacobina si è scatenata e quotidianamente latra contro il governo progettando la sua fine fra ludibrio e l’infamia. I lancieri dell’opposizione, mercenari dallo scudo crociato, congiurano col nemico e marciano con i parolai per stremare il governo alla resa: “il passo indietro!”. È un’intifada parolaia che bersaglia il premier, un linciaggio selvaggio per costringere la maggioranza alla resa incondizionata. Non sono i carabinieri programmati dal floreale AAR, la calunnia, la diffamazione e il ludibrio sono le armi che il soviet impiega per annichilire la maggioranza eletta dal popolo sovrano. Le teste di cozzo dell’opposizione credono di poter conquistare il potere al di là di ogni Costituzione. Il Di Pietro emula Robespierre e apparecchia la ghigliottina per liberarsi dell’Unto del Signore, ultimo baluardo alla sua ambizione. L’uomo di Bettola fomenta l’insurrezione, il filibustering parlamentare blocca i lavori delle Camere, l’Aventino è l’estremo ripiego che è scoppiato fra le gambe degli artificieri (è l’ultima risorsa). Il giovane Renzi (sindaco di Firenze) avanza deciso per liberare il Pd dai veterani oligarchici che intralciano la libertà. I rottami, da Casini a Fini a Rutelli, affannano fra i flutti inquinati e si aggrappano alle Bindi, ai Franceschini, alle Finocchiaro sperando di salvare se stessi oltre l’oblio. La crisi mondiale impazza furiosa, solo Noè potrebbe costruire un’arca per salvare la Nazione dai flutti del default bancario. I mercenari antiberlusconiani ordiscono a cielo aperto, tracotanti e impuniti speranzosi che la mensa dell’opposizione conserverà loro delle scodelle per il pasto. Uno striminzito menu affamerà i golosi, bevute di vendemmie annacquate di vino novello: un’elemosina pietosa per le funzioni solenne. La Patria geme ma i prevaricatori imperversano: cialtroni allo sbando cui fa notte innanzi sera

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi