cerca

Rischi che si corrono

22 Ottobre 2011 alle 16:00

Nei giorni scorsi mi sono imbattuto in un blog, nel quale si sosteneva che i cortei, come forma di protesta, sono inutili e superati (probabilmente è vero); e si invitava, piuttosto, alla occupazione di parti di città (che è più creativo), come accade negli Stati Uniti. Si osservava anche, però, che da quelle parti capita, talvolta, a chi manifesta il proprio dissenso in quel modo, di venire arrestati e di finire in prigione. Ecco, la differenza è tutta qui. In Italia, a chi occupa e organizza cortei, al massimo, capita di finire all'Infedele.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi