cerca

Terroristi urbani e rimedi inurbani

20 Ottobre 2011 alle 12:31

Propongo l'occhio per occhio. Si radunino i responsabili degli "spaccamenti" ed invece di incarcerarli e mantenerli a spese della collettività, si conducano davanti alla loro autovettura, o ai vetri delle loro case, alle loro poltrone e letti, e frigoriferi. Una volta là si abbiano due poliziotti nerboruti, muniti di mazze, che spacchino davanti ai loro occhi le loro proprietà. Nessuna violenza alle persone, nessuna lungaggine burocratica, nessuna detenzione. Solo, per soprammercato, il pagamento di una tassa di smaltimento di rifiuti eccezionali, e un compenso per gli straordinari dei due nerboruti tutori dell'ordine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi