cerca

Violenza, belle parole e cattivi pensieri

19 Ottobre 2011 alle 17:32

Provo ad aggiungere un elemento alla discussione: mi sembra stucchevole e retorico concentrarsi sulle violenze della piazza senza analizzarne le cause. E' un esercizio ideologico, il paradosso del dito e della luna (usato da Genova 2001 in giù). I comportamenti dei nostri politici non sono violenti? Per me lo sono quando vanno ad urlare nei talk-show, lo sono quando non si tagliano gli stipendi, lo sono quando si leggono le inchieste sui costi della politica (i più elevati in Europa, sempre secondo alcune fonti di stampa). Lo sono quando dimostrano di essere miliardi di anni luce distanti dai problemi della gente, che poi si incazza e ideologicamente arma e legittima quei pochi pazzi che se la prendono coi cassonetti e con le vetrine solo perchè non gli capita qualche ministro, sottosegretario, parlamentare o consigliere regionale sotto mano. Avete notato che girano sempre con la scorta? Se andassero in giro da soli verrebbero malmenati, sputati, spernacchiati dalla maggioranza delle persone. Alcuni manifestanti hanno fatto 5 milioni di danni Sabato scorso a Roma? Quanti miliardi di Euro ci costa la politica senza elargire effettivi servizi? I parlamentari firmano fideussioni prima di prendere l'incarico in Parlamento, Consiglio Regionale? Danno indietro i soldi se non partecipano ai lavori? Non legittimo i gesti estremi di alcuni manifestanti, ma invece di indignarsi bisognerebbe chiedersi perchè c'è tanta rabbia e sfiducia verso la classe politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi