cerca

Profumo di Frode e Bottlenecks italici

19 Ottobre 2011 alle 15:00

Delle due l'una: Profumo non c'entra un tubo, allora trattasi di intervento preventivo a gamba tesa per impedire a un ottimo candidato la "salita" - come l'ha chiamata lui - in campo politico, e dunque una conseguenza dei 18 anni di persecuzione giudiziaria e dei 20 di invadenza del terzo nel potere esecutivo. Congratulazioni a tutta l'opposizione che ha garantito che si arrivasse a questo. Oppure Profumo c'entra, e allora la domanda è: come ci si può accreditare come paladini delle riforme e di una nuova guida politica a questo paese, se si tengono simili scheletri nell'armadio - anzi, trattandosi di una delle più grosse banche italiane, nella super-cassaforte? In tal caso, metterlo alla guida del paese, significherebbe affidargli - nuovamente - denaro, questa volta dei tax payers, e non sapere che fine fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi