cerca

Confusione sessuale

19 Ottobre 2011 alle 08:30

Il Collegio Americano dei Pediatri (Acp) nell'aprile del 2010 ha diffuso un consiglio alle scuole, e agli "adulti significativi", sul fatto che la confusione di genere, l'attrazione per lo stesso sesso o la confusione sessuale non dovrebbero mai essere rafforzate nei preadolescenti e adolescenti. Si tratta di un avvertimento basato su anni di ricerca e osservazioni rigorose. Il Collegio dei Pediatri Usa ha diffuso i risultati di studi che hanno determinato con certezza che il desiderio dei preadolescenti di essere del sesso opposto è uno stadio del tutto normale e “temporaneo”. Anche i bambini con un Disordine di Identità di Genere (quando un bambino / bambina vorrebbe essere del sesso opposto) perderanno questo desiderio con la pubertà, se il comportamento non viene rafforzato, sostengono i pediatri americani. I ricercatori, Zucker e Bradley, affermano che quando i genitori, o altre persone, permettono o incoraggiano un bambino a comportarsi e ad essere trattato come se fosse “dell'altro sesso” si rafforza la confusione e il bambino viene condizionato a condurre una vita di dolore e sofferenza superflui. Dunque è importante far capire che non bisogna meravigliarsi dell'instabile movimento delle emozioni e delle paure, come altrettanto importante è riflettere sulla bontà della “legge naturale universale”. Se questo è vissuto in prima persona dai genitori e dagli educatori permette ai giovani di essere più autonomi e contenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi