cerca

Coltivare il buon senso

15 Ottobre 2011 alle 09:00

L’agricoltura ha permesso all’uomo di evolversi perché gli ha permesso di sopravvivere senza i vincoli legati alla caccia: poteva produrre vegetali per nutrirsi. L’Europa, da sempre, ha dato contributi all’agricoltura per permettere ai contadini di produrre in modo economico generi alimentari indispensabili alla sua popolazione. Oggi si discute della riduzione di questi fondi destinati all’Italia che verranno ridotti dato l’allargamento della Ue. Vorrei però sapere se questi contributi vengono dati anche agli agricoltori che producono biocarburanti. Secondo me si dovrebbero distinguere inequivocabilmente gli aiuti dati all’agricoltura alimentare da quelli dati ai produttori di energie rinnovabili. Se così non fosse i fondi distribuiti per contenere i prezzi degli alimenti di base verrebbero dirottati su chi, utilizzando i terreni coltivabili per produrre sostitutivi del petrolio, riduce la produzione di alimentari causandone così l’aumento dei prezzi, aumento causato dalla diminuzione di offerta rispetto all’aumento della domanda. Finanziare l’agricoltura per contenere il costo delle più importanti materie prime alimentari ma farlo dando i soldi a chi di fatto ne causa l’aumento dei prezzi: un controsenso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi