cerca

Proposta Dell’Arti

14 Ottobre 2011 alle 13:55

Dubito che la proposta di Dell’Arti, imperniata su un prestito forzoso imposto a banche che non vogliono concederlo e famiglie che neppure lo chiedono e su una pesante tassazione della casa, possa essere definita liberale. Ma non si tiene neppure conto di come operi il sistema finanziario né del suo attuale stato di crisi: le banche non sono in grado di erogare 1.200 miliardi di euro alle famiglie, per il semplice fatto che non li hanno, come non hanno il capitale necessario a fronteggiare le perdite derivanti dalla probabile, mancata restituzione di parte dei prestiti. Le banche non “fabbricano” i soldi, questa sarebbe una prerogativa degli istituti centrali, e prima di prestare delle somme le devono raccogliere sul mercato della moneta e dei capitali. Nessun investitore sarebbe ora disposto a concedere simili importi, tanto meno a 100 anni, per un’operazione politica dai più che dubbi ritorni economici e una tale manovra avrebbe solo l’effetto di distruggere la fiducia nelle banche italiane, rendergli difficile il finanziamento, incrementarne i costi e portarle in definitiva al fallimento. Ben lungi dal ricavarne benefici lo stato italiano dovrebbe salvarle, sempre che sia in grado di farlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi