cerca

Battuta la maggioranza: manca Papa

13 Ottobre 2011 alle 20:17

Per un voto, la tragedia parlamentare. Lasciamo stare Tremonti il dispettoso che contava di quante piastrelle è costituito il pavimento del Transatlantico. Lasciamo stare Scajola che ancora scuote il capo: ma chi czz m'ha pagato la casa!". Ecco, mancava il voto del deputato Papa gettato come uno straccio in carcere perchè continui a marcire senza essere neppure interrogato e tra l'indifferenza del parlamento. La maggioranza ha iniziato a perdere voti in parlamento votando l'arresto. In sostanza si è arrestata da sola. La opposizione tutta difende la costituzione ma la sacrifica offrendo carcere preventivo anche a chi è in attesa non di sentenza ma di essere perfino interrogato. La maggioranza ieri è stata schizofrenica sottovalutando il suo impegno di votare, quanto meno i suoi atti, e quelli necessari a far funzionare la macchina dello Stato. Ma l'opposizione che grida alle dimissioni in nome dell'art. 81? Che grida allo scioglimento delle camere invocando l'intervento d'imperio di Napolitano? Oppure il Pd e l'Idv che strattonano il capo dello Stato obbligandolo al golpe? Dicono che la bocciatura del rendiconto implichi le dimissioni del premier, citando il predetto articolo 81 e ricorrendo all'Aventino (roba da bambini!). Ma cosa dice "sto" articolo? Leggiamolo testualmente: Articolo 81 Le Camere approvano ogni anno i bilanci e il rendiconto consuntivo presentati dal Governo [cfr. artt. 72 c. 4, 75 c. 2, 100 c. 2]. L'esercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi. Con la legge di approvazione del bilancio non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese. Ogni altra legge che importi nuove o maggiori spese deve indicare i mezzi per farvi fronte." Dove sta scritto che Napolitano deve sciogliere il parlamento e che il premier è obbligato a dimettersi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi