cerca

Epicedio di Barletta

7 Ottobre 2011 alle 19:00

A Radio Londra Ferrara ha tenuto l'omelia funebre dei morti di Barletta più pietosamente di quanto abbia fatto il vescovo di quella città, che rimettendo ai magistrati la risposta alla domanda fondamentale del perché di quella morte ha perduto l'occasione di confortare i parenti e di istruire i presenti sui misteri della vita e della morte, di fare catechesi cristiana e di purificare i cuori da ogni inopportuno risentimento e vendetta, Questo invece ha ben fatto il sindaco, che pur essendo di sinistra è stato più pietoso del suo vescovo. Queste cose accadono perché anche nella Chiesa i sacerdoti e i vescovi sono più realisti del re e in tempi in cui i magistrati sono i signori della vita mancava solo un vescovo che li nominasse esegeti della morte: "…O sommo Giove/, che fosti in terra per noi crocifisso/ sono gli occhi tuoi vòlti altrove/ o è preparazion per alcun bene/ in tutto dall'accorger nostro scisso?" (Dante Alighieri)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi