cerca

800 feti abortiti oltre il termine

2 Ottobre 2011 alle 11:30

In Italia sono 800 all'anno gli aborti oltre le 21 settimane indotti con parto prematuro. Non è di dominio pubblico, ma l’aborto è praticato in alcuni ospedali anche fino alla 25esima settimana di gestazione. La legge 194 lo consentirebbe solo per grave pericolo della salute fisica o psichica della madre, ma non imponendo nessuna certificazione è molto facile ottenerlo. Così è stato per la piccola Mariangela, nata 5 anni fa nell’Ospedale di Padova con un parto prematuro indotto utilizzato come tecnica abortiva, eseguito a 22 settimane e 5 giorni di gravidanza e 562 grammi di peso. I genitori optarono per l’aborto perché un’ecografia evidenziò la mancanza dei globi oculari nel feto. I bambini non voluti e partoriti forzatamente in età gestazionale così avanzata nascono vivi ma con gravi difficoltà respiratorie, e lasciati morire perché indesiderati. La piccola Mariangela, nonostante la sua delicata situazione di salute, riuscì a sopravvivere. Arrivata ad un mese di vita i genitori non se la sentirono di portarla in famiglia e scelsero di non riconoscerla. Rimase così in carico al reparto di neonatologia finché fu data in affidamento, e venne accolta da una Casa Famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII (di don Oreste Benzi) situata vicino Padova, dove Mariangela è stata curata e accudita fino ad una settimana fa. Una brutta broncopolmonite ha stroncato il 20 settembre la vita di Mariangela. Se la gravidanza fosse stata portata a termine, Mariangela sarebbe nata non vedente ma perfettamente in grado di sopravvivere. Così come è stato per il famoso tenore Andrea Bocelli, che ha pubblicamente ringraziato sua mamma per averlo fatto nascere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi