cerca

Dieci pesi, dieci misure

22 Settembre 2011 alle 12:34

Papa Benedetto XVI si appresta a ricevere oggi, arrivando in visita di stato nella sua Germania, un’accoglienza ostile da parte di politici, gruppi, gay, associazioni di vittime della pedofilia, e chi più ne ha più ne metta. Intanto, dall’altra parte dell’Atlantico, in Georgia, l’assassino nero Troy Davis, ultimo eroe degli attivisti anti pena di morte, riceve un genere di solidarietà che né santi né persone comuni si possono sognare. Malgrado l’anno scorso la Corte Suprema abbia inusualmente rivisto il caso, riaffermando la sentenza (con uno dei giudici a definire le nuove prove “in gran parte fumo e specchietti”) quasi un milione di persone firmano una petizione in favore di Davis, centinaia di supporter si riuniscono fuori la prigione dell’esecuzione, i leader dei diritti civili (compreso il famigerato reverendo Al Sharpton) parlano di “oltraggio”, e lo stesso Obama, evidentemente addolorato, fa sapere di “aver lavorato per assicurare l’accuratezza del sistema”. Mancano solo i no TAV. L’ennesima conferma che, di essere giudicati secondo i meriti e le opere, a questo mondo proprio non se ne parla!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi