cerca

Chiesa "à la carte"

22 Settembre 2011 alle 13:00

La cosa ridicola dell'articolo della Spinelli (e in generale di Repubblica quando parla di chiesa) è che se la chiesa esprime una sua opinione su temi "alti" come aborto, matrimoni gay, ecc. (come fu nella scorsa legislatura) viene tacciata di indebita interferenza negli affari politici italiani. Se, invece, non entra nelle beghe politiche "quotidiane" il suo intervento viene addirittura richiesto. Peccato che la chiesa, quella vera, si occupi di valori universali e non di maggioranze parlamentari. La domanda ora è: pur di disarcionare Berlusconi, dopo aver provato con i carabinieri (Asor Rosa), Napolitano (Scalfari) e la chiesa (Spinelli), a chi si appelleranno?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi