cerca

Universo vuoto

21 Settembre 2011 alle 09:00

Oggi non si va tanto per il sottile e si vuole convincere le persone, specialmente i giovani, che solo la vita piena e vigorosa ha valore, perché, secondo i "laicisti", si viene dal nulla e si finisce nel nulla. Cioè - dicono - l'uomo “è solo in un universo indifferente” dove governa la legge “del caso”. Ci si commuove per gli amici dell'uomo "a quattro zampe" malati, ma questo non può essere equiparato a quello che deve essere fatto per un grave disabile bisognoso di tutto. Anche per lui dobbiamo commuoverci, e ben di più. Non si esagera quando si afferma che anche l'avanzare della cultura dell'universo vuoto e della "dolce morte" sia un'emergenza educativa. I giornali e le tv parlano quasi solo di economia, di battibecchi fra le parti, di pettegolezzi, ma le questioni di fondo sono altre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi