cerca

Una tiara fitta di spine

21 Settembre 2011 alle 20:07

Fino a poco tempo fà la tiara papale rappresentava la concentrazione di ogni genere di poteri nella persona del pontefice romano. Una volta abolita dai venti innovatori del Concilio, sul capo del successore di Pietro è apparsa sempre più evidente un fitto serto di spine: la teologia della liberazione, i conservatori, i riformisti, la corruzione, la pedofilia, il celibato, il sacerdozio femminile... Non tutti i mali vengono per nuocere. Forse nella presente afflizione la tiara di spine di Benedetto XVI rivela ed amplifica il volto di Cristo nella fisionomia dell'umile pescatore di Cafarnao, scelto come pietra angolare di una Chiesa costituita per la salvezza degli umili e degli oppressi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi