cerca

La manovra incomprensibile

7 Settembre 2011 alle 19:30

Che il governo in carica sia in stato confusionale si registra con l'ultima modifica della manovra. I due "galli" del "pollaio", il premier Berlusconi e Tremonti si rincorrono sulla "paternità" delle decisioni. Fatto è che con il provvedimento di martedì si aumenta l'Iva, operazione non gradita a Tremonti, e si applica la super Irpef ai ricchi, cosa non voluta dal premier. Naturalmente poi arriva l'anticipo dell'età per le lavoratrici del settore privato(un provvedimento che andrà a regime nrel 2026, per accontentare la Lega, visto che per le lavoratrici del settore pubblico è bastata la minaccia di una sanzione per attuarne l'applicazione, a partire dal 2012), che non risolve il problema pensionistico. Tutto questo, mentre, nonostante il giudizio positivo, di Confindustria, mentre languono i tagli, veri, alla spesa pubblica, non c'è niente per la crescita, con la pressione fiscale che contiua ad aumentare. Velo pietoso poi sulle mancate liberalizzazioni di un governo che si è dichiarato sempre liberale, salvo agire in modo contario, con il gongolamento dei presidenti dei vari ordini professionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi