cerca

Manovra bis, proteste bis, anzi tris

31 Agosto 2011 alle 13:13

Siamo avvitati nella maledizione, tutta e solo italiana, che maggioranza e opposizione non possano collaborare neppure quando la casa comune brucia. Anzi, assistiamo alla gara invereconda di ogni parte che pensa solo come sfruttare l’incendio a proprio vantaggio. Ci incarogniamo nello scambiarci accuse e attribuirci colpe senza poter prendere decisioni per il semplice motivo che nessuno può tirarsi fuori dal marasma del sistema, nessuno ha la capacità morale, progettuale e la credibilità necessaria per essere il riferimento del "punto e a capo". Tutti tremebondi e assillati dal problema del consenso, dell'orticello da coltivare, dei riferimenti sociali ed economici da soddisfare. Neppure s'avverte lo squallore dello spettacolo che mandiamo in scena. Se mancano le condizioni per darsi almeno la mano, sarebbe l'unica alternativa al muro contro muro che, permette sì la sopravvivenza ma non risolverà mai i problemi di fondo, poiché qualsiasi governo possa andare a Palazzo Chigi sarà sempre prigioniero di quel metodo e, se ci ostiniamo a non crearle, dobbiamo concludere che, "tempora bona remota sunt" Poi la forza delle cose ...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi