cerca

La montagna ha partorito un topolino

30 Agosto 2011 alle 10:13

La manovra per come sarà presentata alle camere è il frutto di calcoli elettorali e politici in seno alla maggioranza. Calcoli che per l'ennesima volta escludono il bene degli italiani. Il rigore di Tremonti andava assecondato e con qualche accorgimento impopolare per i ricchi e confindustria, incrementato. Si continuano a chiedere sacrifici alle classi medio basse come limoni da spremere. Toccare le pensioni future è una ingiustizia sociale ancor più grande di quella perpetuata per anni dai passati governi catto-comunisti,i quali hanno mandato,per avere consenso,milioni di lavoratori in pensione con importi e tempi completamente diversi da quelli odierni. Errori che non possono sempre pagare soltantto coloro che verranno. Chi ha avuto un palese privilegio pregresso, oggi non più sostenibile, deve contribuire significativamente a questa manovra e a quelle future. Centinaia di migliaia di impiegati statali, spesso raccomandati dai vari partiti e partitini della prima repubblica,sono andati in pensione in giovane età creando in parte la voragine sui conti che abbiamo. Il "dissanguamento" della cassa integrazione a carico dell' Inps ha fatto il resto. Se giustizia ci deve essere coloro che hanno un privilegio ,oggi non più sostenibile, devono essere chiamati pesantemente in causa. Le grandi industrie, spesso decotte( vedi Alitalia)non possono chiedere contributi a tutti gli Italiani per salvare , con il ricatto,posti di lavoro costosissimi dal punto di vista sociale, e mettersi gli utili in tasca quando arrivano. Uno stato serio inizia rimediando dagli errori fatti e togliendo a chi per anni ha "mangiato" sulle spalle di chi oggi produce, e non avrà le stesse cose che hanno avuto i predecessori. Brutta politica e brutto viviamo oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi