cerca

La lezione della Libia

26 Agosto 2011 alle 11:00

Le democrazie non sono esportabili. Le intenzioni, anche se buone, non sono denaro spendibile al mercato della storia. Le rivoluzioni o sono endogene, partono dall'interno delle società, o non sono. Gli esiti dei fatti di Libia impongono una riflessione sulle strategie Bush e Sarkozy di intervento vs i regimi illiberali. In ultima analisi, e semplificando, la posizione Sarkozy si può riassumere: siamo disponibili ad un appoggio tattico-strategico, ma sul campo dovete avanzare voi; la disponibilità primaria a versare il proprio sangue in nome del raggiungimento di un obiettivo di libertà, ancorchè condiviso, dovrà essere vostra. Si tratta di una posizione difficile, la cui dottrina non può essere generalizzabile,suscettibile di smacchi in caso di mancata riuscita. Ma nel caso della Libia pare sia stata vincente,e può aprire inediti scenari di intervento in campo internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi