cerca

Riscoprire le privatizzazioni ora che la crisi si fa nera

20 Agosto 2011 alle 20:00

Sembra che l'attuale momento di crisi in cui ci ritroviamo obblighi un a po' di saggezza: si sente da più parti cantare le lodi delle privatizzazioni e liberalizzazioni. In molti si augurano l'estromissione della mano pubblica dalle municipalizzate, che tra l'altro uscirebbero così dal circuito delle nomine politiche dirette, dalla commistione con gli interessi degli enti locali e s'incamminerebbero su un itinerario di concorrenza verace. La fanfara dei comitati del sì per l'acqua pubblica si è completamente silenziata, e in molti vanno proclamando liberalizzazioni con il triste inciso "esclusa la rete idrica". Tutta l'enfasi ideologica è ormai svanita e resta solo la consapevolezza che forse, vista la situazione attuale, privatizzare la rete idrica (con tutti i vincoli del caso) non era un brutta idea, come non sarebbe una brutta idea dismettere le partecipazioni statali nelle varie Eni, Finmeccanica ecc...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi