cerca

Apple sale sul trono della borsa di New York

16 Agosto 2011 alle 16:33

Pochi giorni addietro è apparsa la notizia che Apple è il titolo a più alta capitalizzazione di W.S. Ha superato perfino la "mitica" Exxon (Esso) coposaldo della Hold Economy. La New Economy inizia a muovere i primi passi ferso il successo con tutti i rischi annessi per la tenera età. Sento parlare da più parti di "Bolla" della New Economy con trattati sulla consistenza patrimoniale e valenza dei progetti industriali sottostanti. Questo vociare è soprattutto messo in piedi dagli Europei che ancora gurdano la New Economy con gli occhi della Hold Economy (Fiat, Eni, Bp, Citroen, Mercedes ecc.ecc.) non curanti del fatto che è un mondo lontano e quasi sconosciuto. E quindi si sprecano i grandi giornali e le lungimiranti banche in giudizi "severi" sulla reale opprotonità di investire nella New Economy, con il risultato che l'America ha una economia ed una borsa proiettata verso il futuro ,noi "scaltri" Europei concentrati sul mantenere in piedi aziende che spesso fanno parte dell' archeologia in distriale con costi sociali enormi. Non a caso la speculazione sui titoli europei inizia a farsi sentire. Abbiamo tutto "obsoleto" in Europa (in parte escludiamo la G.B) a partire dallo stato sociale fino al sistema industriale. L'America con la New Economy è proiettata verso il futuro in tema di ricerca e proposta di prodotti e soluzioni ad altissimo valore aggiunto, la Cina produce e consuma, l'India produce beni, servizi e consuma e noi Europei? Ci limitaimo a discernere (e spesso anche dal punto di vista morale) se il mondo fuori dalla madre Europa sia buono e bello per come lo intendiamo noi. Apple ci ha dato un grande segnale, non raccoglierlo significa essere inghiottiti lentamente nelle sabbie mobili della recessione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi