cerca

I costi della politica e dintorni

13 Agosto 2011 alle 19:00

Quello che si stenta a capire della nostra classe politica è la loro riottosità a parlare delle scandalose cifre dei costi della politica. E' vero che impera, da qualche tempo, la parola "casta", grazie al libro di Rizzo e Stella, anche se il precursore ha un mome: Raffaele Costa,ex ministro di orientamento liberale, ma i nostri politici non sembrano dare ascolto nei loro discorsi sul"che fare" per affrontare la situazione di crisi. Eppure dalla vicina Grecia, che è la patria di Socrate, Platone, Aristotele, Pericle, etc, che spesso citiamo per le vicende politiche e filosofiche, è arrivato l'esempio ormai da vari mesi, sul ridimensionamento drastico delle province e il dimezzamento dei comuni. Da noi si tratta di abolire le province, tutte, anche Sondrio, cara al ministro Tremonti, e Varese, cara al ministro Bossi, e i comuni accorparli sino a 5 mila abitanti. Questo , come primo atto, e poi proseguire con il dimezzamento drastico di parlamentari, consiglieri regionali e così via, comprese auto blu, enti inutili, etc. E' vero, quello che scrivo sono cose ripetute, ma il detto "repetita iuvant" dovrebbe essere d'attualità per i nostri politici che si dimenticano di tutto quello che riguarda loro o i loro successori. Solo agendo in questo modo potranno chiedere sacrifici a noi Italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi