cerca

Il profilo politico del governo

12 Agosto 2011 alle 19:00

L'economia non è il mio mestiere, ma sono un cittadino-socio di minoranza di questo paese che se ancora non è in fallimento, è di certo al concordato preventivo. E dunque, pur non potendo sottrarmi all'onere di ripianare le perdite, vorrei almeno conservare il diritto, in un'ipotetica assemblea di soci, di porre delle semplici domande. Da cosa nasce il nostro debito pubblico? Domanda banalissima e retorica, se non altro perchè in tanti anni sono stati in molti a proporla ed in altrettanti, esperti economisti e politici, a sperticarsi in analisi di vario conio. Ebbene, dal momento che le risposte le conosciamo, dal momento che sappiamo da dove sorge il debito e da cosa è alimentato, dal momento che ce lo hanno sempre chiaramente detto, ora mi attendo che il Governo ed anche le opposizioni assumano responsabilmente le misure adeguate alla bisogna. Che non stanno affatto in un aumento delle imposte, delle aliquote iva, della maggiore tassazione delle rendite finanziare, della rimodulazione delle pensioni o dell'innalzamento dell'età pensionabile (misure odiose), ma stanno esattamente nel taglio di tutto ciò che indebitamente alimenta il debito. Dalle prossime misure adottate dall'esecutivo, potremo valutare il "profilo" politico di questa maggioranza e capire, di fronte ad un situazione ineludibile e per certi aspetti storica, di che pasta è realmente fatta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi