cerca

Lo stato sborsa, il ricco imborsa

4 Agosto 2011 alle 16:00

I ricchi sono ricchi perché sono in numero minore dei poveri che sono poveri perche sono i più. Se si privano i ricchi di tutte le loro sostanze o tassandoli al massimo non si raggiunge la somma acquistata tassando i poveri al minimo. Se ne deduce che sono sempre gli stracci che vanno per l'aria, è una questione di giustizia ma non di finanza. I mercati sono senza valori (wertfreiheit) volere domarli con la politica (diritto, giustizia, morale etc) è la contraffazione ideologica dei tempi moderni. Parafrasando il manifesto del partito comunista le borse proclamano: "azionisti di tutto il mondo unitevi!"- L'assalto al palazzo d'inverno della rivoluzione è alla Borsa, basta un semplice click convenzionato e gli imperi delle nazioni ricche sono ridotti in macerie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi