cerca

Siamo ancora un popolo?

1 Agosto 2011 alle 15:57

A Macerata dove vivo vedo macedoni, albanesi e rumeni riempire i giardini pubblici, frequentare assiduamente la vita dei bar, affollare mercati e fiere. Li vedo pieni di desiderio di intrapresa, coraggiosi nel muoversi, mirabilmente solidali tra loro, con un passa parola che segue ogni particolare bisogno. Fanno figli con il coraggio positivo dell'affronto della vita, pur in condizioni precarie; il matrimonio, la nascita e la morte, la malattia e il dolore non sono relegati ad un fatto privatistico, bensì vissuti come un avvenimento che riguarda tutti. In queste manifestazioni di popolo noi siamo sempre più assenti. Il problema è nostro, non riguarda loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi