cerca

Considerazioni su Anders Breivik

30 Luglio 2011 alle 09:00

Anders Brevik aveva 22 anni quando vide il massacro in diretta di tremila persone l'11.9 a New York. Poi ci furono attentati a Madrid, Londra, Bali, e numerosi altri. Senza questi antecedenti Anders non avrebbe ideato un'azione terroristica come quella di venerdì scorso. Oltre un anno fa la polizia aveva interrotto a Oslo la preparazione di un attentato da parte di un gruppo di terroristi islamici, poi vi è stato un attentato a Stoccolma durante le ultime vacanze natalizie con un morto ed un ferito. Senza questa mostruosa serie di attentati terroristici da parte di fondamentalisti islamici, Breivik non avrebbe ideato un piano come quello che ha attuato! Il giovane norvegese ha scagliato la sua violenza armata contro altri norgevesi: persone che si trovavano nella zona dell'esplosione nel centro di Oslo e giovani norvegesi laburisti riuniti su un'isola! Ho letto che Anders "Era animato dall'odio di sé", a me non sembra fosse consapevole di questo odio. Per "svegliare" giovani laburisti doveva ucciderne un bel po'? Un atto "atroce" e "necessario", ha detto! La sua assurda condotta denota il desiderio di imitare i terroristi islamici! Anders si era fatto battezzare a 15 anni nella Chiesa prot. norveg., però si definiva cristiano culturale e dalla sua condotta non emerge ubbidienza alla parola evangelica. Pensava che sarebbe stato ucciso. Gesù Cristo ci chiede di non abbandonarci all'odio e alla vendetta, NON CI ORDINA DI NON DIFENDERCI. Oggi la via di vita sulla terra per cristiani, ebrei, musulmani e tutti gli uomini è credere in Dio Amore, usare la ragione per conoscere i meccanismi del nostro inconscio ed imparare ad amare noi stessi e il nostro prossimo!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi