cerca

Contraddizioni

29 Luglio 2011 alle 12:30

Risolviamo una volta per tutte la contraddizione tra quella specie di pena preventiva che è la custodia cautelare e la presunzione d’innocenza: introduciamo la presunzione di colpevolezza. La riforma non cambierebbe poi molto per l’indagato (i trattamenti disumani, almeno per il momento, resterebbero proibiti) ma avrebbe il merito di conferire piena legittimità ad una forma mentale che nella clandestinità, persino delle singole coscienze, è già (da sempre, per la verità) largamente prevalente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi