cerca

La perfezione: non è pane per i denti dell'uomo

27 Luglio 2011 alle 11:32

Senza ira ac studio: la vicenda norvegese insegna che gli uomini, le società, o le ideologie, che pretendono di creare qualcosa di "perfetto", sono la parte più oscura e malvagia della natura umana. E' un pensiero semplice, banale se volete, ma la "perfezione" ovunque la vogliate instaurare, coincide con la morte dell'uomo. O nel trasformarlo in un essere che, credendosi perfetto, si sente autorizzato, legittimato a seguire tutte le sue follie, oppure alla devastante, violenta ribellione per esservi costretto. L'assassinio come liberazione dalla perfezione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi