cerca

Breivik, un massone

25 Luglio 2011 alle 18:30

Il libro di Ibsen, "Brand", termina con tre parole:" Dio è carità". Poco prima il protagonista, un prete norvegese, si rivolge a Dio con queste parole: " Rispondimi, o Dio, nell'ora in cui la morte m'inghiotte: non è dunque sufficiente tutta la volontà di un uomo per conseguire una sola parte di salvezza"? Brand voleva raddrizzare i difetti del mondo, ed era convinto che bastasse la forza di volontà. Voleva guarire la razza dai suoi vizi e dalle sue imperfezioni. Per questo suo progetto ha sacrificato la vita di suo figlio e di sua moglie. Il suo atteggiamento non è molto lontano dai moralisti della nostra epoca. Breivik è una scheggia impazzita di questo nuovo umanitarismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi