cerca

Modello Renzi

19 Luglio 2011 alle 15:00

Di fronte a tanto menefreghismo, a laissez-faire, a lotte per vincere una poltrona e non un premio per innate capacità, alla ricerca sfrenata di soddisfare i propri diritti tralasciando i doveri, ai fantomatici tagli agli sprechi ed ai privilegi di una certa casta, il rigore e la serietà - penso espressi con esempi concreti da parte di Renzi, il Sindaco di Firenze - dovrebbero essere dei modelli da seguire pedestremente. Chapeau. Renzi dimostra di essere una vera macchina da guerra, non si ferma mai soprattutto di fronte a certi principi che considera fondamentali nella vita come la serietà sul lavoro - qualunque esso sia (pubblico o privato) - la puntualità, il rispetto delle istituzioni, dei ruoli politici, la dovuta importanza che dà ai sindacati concepiti nella sua mente all'inglese, veri difensori e protettori dei lavoratori ma a-politicizzati, la ricerca di valori di altri tempi andati perduti oggi giorno. Eppure, viene ugualmente criticato, nonostante sia un sindaco di sinistra, ma di una sinistra avveduta, ancora una volta all'inglese, laburista, non conservatrice al midollo, legata allo stato sociale ma moderna. Evidentemente un'innovazione troppo grande per questa Italia che si stupisce di qualunque tipo di cambiamento possa venire messo in atto. Avanti di questo passo, non esisterà mai una manovra finanziaria degna di questo nome e neppure un'Italia unita in tutti i sensi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi