cerca

Casta e dive

19 Luglio 2011 alle 20:00

A proposito di casta: ma non si sono appena votati una legge che, in sostanza, gli attribuisce il diritto/dovere e per di più per nobili motivi di attribuire alle loro donne il 33 per cento dei Cda delle aziende pubbliche e private quotate in borsa? Come se già non lo stessero illegalmente facendo! Un episodio per tutti quello che è successo con le "donne di potere" della giunta di Parma. Mio figlio superlaureato e con il miglior e costosissimo master italiano in borsa, pagato di tasca sua, siccome è maschio e non è della casta non vedrà mai una sedia di Cda nè al 33 per cento nè al restante al 67 per cento. E oggi lavora otto ore al giorno in uno stage che durerà solo 6 mesi, poi rigorosamente a casa, per 500 Euro al mese e 150 euro di trasporti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi