cerca

Un colpo d'ala, Cavaliere!

15 Luglio 2011 alle 21:00

Se mia nonna avesse tenuto le ruote sarebbe stata un calesse. Dopo è sempre così, ognuno è capace di dire quello che avrebbe fatto o quello che si sarebbe dovuto fare. Con la Libia, per esempio, il Cavaliare ha sbagliato di grosso. Visto che il petrolio libico per noi era vitale, che cosa ci ha impedito di opporci alla tracotanza di Parigi? Se i giochi anglofrancesi erano evidenti, che cosa ci ha impedito dal dissentire decisamente alla guerra contro Gheddafi? La democrazia libica era minacciata dal raìs? Dopo 40 anni ci accorgiamo che quella gente viveva in soggezione? Abbiamo tradito il Gheddafi, rancoroso e vendicativo, e siamo rimasti impigliati in questa rete delittuosa che, in nome di una libertà presunta, ci ha scaricato a Lampedusa migliaia di libici inseguiti dalla guerra. Ci siamo tagliati gli zebedei e Berlusconi c'ha fatto una figura da tre soldi. Va bene così? Anche per l'Afghanista: quand'è che ci scrolleremo di questo fardello delittuoso? Quale libertà vogliamo garantire per gente che non sa cosa farsene? I talebani vanno bene per quel popolo, ritiriamo le nostre truppe, oggi non domani. Risparmieremo miliardi (pezzenti come ci ritroviamo) e vite di troppi giovani soldati. "Ma dal punto di vista internazionale non ci faremmo una bella figura ... Chissenefrega dell'opinione internazionale, già ci disistimano ad abundantiam, non sarà il ritiro dall'Afghanistan che farà straboccare il vaso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi