cerca

Ressa nelle carceri & dintorni

15 Luglio 2011 alle 17:00

I detenuti in attesa di giudizio nelle carceri italiane apprezzerebbero molto che lorsignori giudici dedicassero qualche attenzione in meno alle presunte prostitute di Arcore per dedicarsi anche ad altro che non preveda necessariamente l’onore delle cronache. Una tale cortesia sarebbe molto apprezzata anche da molti comuni cittadini, cui la incivile ressa nelle carceri pare altrettanto inadeguata che non la proposta amnistia pannelliana. Neppure al buon Marco piacerebbe, suppongo, che nello Zimbabwe si decretasse la soppressione della pena di morte solo perché non si trova (così pare) un boia che ne esegua la condanna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi