cerca

Manovra 150°= "Stringiamci a coorte"

13 Luglio 2011 alle 10:57

Berlusconi: "Nostre banche solide, stiamo uniti". A Tremonti (...Italia chiamò) perchè sospinga "l'aquilone" Italia e prenda il giusto vento. Siamo dunque all'urgenza della manovra finanziaria che dovrebbe vedere (novelle coorti di "romana" memoria) i "diversi" partiti istituzionali...almeno non frapporre ostacoli al momento di grande delicatezza. Questa manovra fattasi urgente per i recenti attacchi dei mercati finanziari all'Italia (anello debole) che ha visto perdere la nostra Borsa di un - 15 per cento in tre giorni e che allo stesso tempo è riuscita a dare una scossa a questo lento momento politico e parlamentare. Manovra che si spera venga ritoccata con riguardo particolare agli sprechi e ai costi della politica, che man mano se ne parla, diventa sempre più un argomento da rapportare al "resto dell'Europa" (forse, più che per un recupero finanziario per una questione di ammodernamento ed allineamento del Paese). Parimenti, auspicando che il preventivato differenziale del 20 + 20miliardi degli anni 2013/14 venga ridistribuito con maggior equità. Il rischio Grecia, Irlanda, Portogallo dev'essere allontanato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi