cerca

Ancora su bollo e balle varie

13 Luglio 2011 alle 16:30

Dato che la nuova imposta di bollo sul deposito titoli, sia nella versione iniziale che in quella modificata (4 fasce di imposizione di 60, 120, 720, 1800 euro a seconda del valore del deposito) realizza sì evidentemente una progressività dell'imposta ma INVERSAMENTE PROPORZIONALE al valore del deposito (ad esempio con due calcoli elementari si scopre che per 120000 euro di deposito la tassazione sul rendimento potrebbe ora arrivare, con i tassi attuali, al 40 per cento rispetto al 12,5 per cento precedente, quella per un milione di euro si fermerebbe a non oltre il 20 per cento), chiederei a chi non mette le mani in tasca agli Italiani: perché, invece di una tassa a quota fissa, non propone, ad esempio, una tassazione annuale pari, che so, allo 0,1 per cento del valore del deposito? Troppo di sinistra?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi