cerca

Soloni d'Italia

12 Luglio 2011 alle 15:30

Partendo dal presidente della Repubblica, che peraltro non merita critiche, oggi tutti i grandi soloni italiani si sono messi a discettare del malato grave: l'Italia. La tempesta è iniziata ed ha preso di mira il nostro paese. Scendono in campo valenti direttori di quotidiani, analisti economici etc. L'opposizione, sempre responsabile a parole, si dice pronta a collaborare con il governo. Sono d'accordo sul fatto che Berlusconi dovrebbe aprire dei colloqui con l'opposizione. Ma dell'esito dubito.Dicono che il nostro paese sia debole od appaia tale. Ma ci ricordiamo che per mesi e mesi questo paese è stato, ed è tutt'ora, travolto da scandali di tutti i tipi che hanno contribuito ad un'immagine così negativa che tutto il sistema paese ne è stato vittima? Che la magistratura, a torto od a ragione, sta conducendo inchieste che sbranano la nostra dignità ed annullano qualsiasi nostra autorevolezza in campo europeo e mondiale? E a inchieste finite, magari con persone accusate ma non colpevoli, chi risarcirà il danno compiuto? Non siamo nè la Spagna nè tantomeno la Grecia. Fino a prova contraria Tremonti è uno dei più ascoltati e autorevoli ministri delle finanze. Anche lui ce lo stiamo giocando. I soloni dovrebbero farsi un profondo esame di coscienza e riconoscere, pubblicamente, il danno fatto al loro stesso paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi