cerca

Realismo Vs Pessimismo

12 Luglio 2011 alle 13:00

L'Italia non tornerà ai fasti di un tempo in tempi recenti. Non è pessimismo ma constatazione delle conseguenze di una politica demografica dissennata che ha sottratto milioni di giovani, con tutto il loro carico di entusisamo e necessità di costruire il futuro, tamponando a malapena con un'immigrazione sregolata e confusa, in buona parte in cerca solo di un gruzzolo da riportare in patria, pagando oltretutto un alto prezzo in termini di caos sociale e senso diffuso d'inquietudine su quella che sarà l'Italia del prossimo futuro. Ogni anno che passa la massa di anziani aumenta percentualmente, ogni anno che passa si è costretti ad allungare l'età pensionabile per evitare il tracollo finanziario del sistema. Ma sarà sempre più difficile far quadrare i conti e la mia generazione sarà costretta a lavorare fino allo stremo. Ma ciò che mi sconforta è constatare come nessuno, niente si muova per cambiare la filosofia imperante del Michelasso: mangiare, bere ed andare a spasso. E i figli sono un ostacolo al godimento della vita, un costo, un impegno, una rottura. Il cane si morde la coda, fino a che scomparirà in un ultimo boccone. Mi domando spesso che cosa attende i miei figli, ho timori, incertezze, a volte penso che dovrei emigrare, perché non c'è futuro in un paese di vecchi. A volte penso anche che il miglior aiuto che potrei dargli sarebbe levarmi dai piedi non appena fossero maggiorenni o poco più, lasciando loro casa, risparmi e un posto di lavoro. La mia generazione saprà essere meno egoista di quella che ci ha preceduta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi