cerca

Giustizia giusta in Usa ? Solo per DSK

7 Luglio 2011 alle 12:10

La giustizia giusta tanto decantata in Usa genera una serie di situazioni preoccupanti. La maggior parte della popolazione carceraria è composta da gente di colore, ispanici e immigrati. La probabilità di finire sulla sedia elettrica di un nero o ispano è dieci volte superiore rispetto ad un bianco anglofone. Chi non può permettersi un legale importante e costoso viene quasi sicuramente condannato. I processi durano molto meno che in Italia, ma questo non vuol dire che le sentenze ed i risultati siano migliori per l'accusa o difesa. In America vi è una giustizia che vuole essere efficiente in tutti i casi a scapito, a volte, della verità. La vicenda DSK se attentamente scomposta in "fotogrammi legali"dimostra esattamente che tutta questa "giustizia giusta" non c'è. I precedenti della cameriera( con le bugie pregresse ecc. ecc.) sono macigni che la pongono in una posizione di inferiorità nei confronti di un personaggio di "caratura internazionale". Mettendoli sullo stesso piano dei" pregressi",non credo che ,in una giustizia giusta, DSK sarebbe uscito di galera per spendere centinaia di dollari in una cenetta intima per brindare alla bravura dei suoi avvocati e alle debolezze di una cameriera, pur sempre molestata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi