cerca

Una classe dirigente scarsa

6 Luglio 2011 alle 15:30

A giudicare dai discorsi che sento fare, mi pare che noi Italiani non sappiano neppure immaginare una classe dirigente migliore di quella attuale. Si sta a discutere di Berlusconi, Bersani, Fini, Vendola e Di Pietro, di Pdl, Udc, Sel e Pd, destra e sinistra... Come se lo scopo fosse non far vivere meglio 60 milioni di cittadini ma far vincere il proprio partito, o la propria ideologia. I temi sono economia, lavoro,infrastrutture, trasporti, energia, educazione,amministrazione pubblica, servizi, e così via. E in base alla capacità di risolvere quelle problematiche andrebbe giudicata la nostra classe dirigente. Possibilmente con dei risultati misurabili,a disposizione di tutti (siamo nell'era di Internet). Il risultato di questa poca concretezza è che la nostra classe dirigente (tutta, non solo quella politica) è scarsa e poco innovativa. Non solo, ma anche non di esempio per nessuno. L'immenso Montanelli nel suo libro sulla storia di Roma, ricordava che Roma repubblicana aveva avuto la più grande classe dirigente che il mondo avesse mai visto. Una classe dirigente che godeva anche di privilegi, ma che dava l'esempio con parecchi anni di duro servizio militare. Ecco appunto, il duro esempio, neppure quello siamo capaci di pretendere, al massimo ce la prendiamo con Balotelli e Cassano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi