cerca

L'amnistia

6 Luglio 2011 alle 14:30

Con sequenza matematica scopriamo che l’Italia democratica nasconde nel suo ventre statalista le magagne oscene dell’ancien régime. Questa volta, come sempre, a dare il la “all’Eroica” orchestrata e diretta dal radicale Marco Pannella, è la scoperta che le carceri italiane sono la pattumiera della malagiustizia che ci amministra: le carceri, ricettacolo di sventurati incappati nelle maglie della legge, sbattuti in galera per aver rubato una mela (la solita mela) e dimenticati da quella giustizia che fu così solerte a sbatterli in cella. La folla dei carcerati supera di oltre il 50 per cento la capienza delle strutture, con enorme danno degli imprigionati costretti a subire vessazioni d’ogni genere, e degli stessi carcerieri obbligati ad essere i cerberi di poveretti abbandonati dalla pietà civica. Saremmo la patria del diritto se questa vergogna non insozzasse la nostra cultura storica, siamo la patria dell’osceno alimentando quest’obbrobrio che ci degrada ogni minuto di più. In queste condizioni, l’unico rimedio che può restituire dignità alla giustizia immiserita, è la richiesta che Pannella ha fatto sua già da 80 giorni di digiuno protestatario: AMNISTIA! Cancella il reato l’amnistia e sfronda i processi di tutte quelle “mele” che lo appesantiscono, e rende più sopportabile una prigionia che potrebbe anche tendere al recupero del reo. Infine è proprio questo lo scopo della carcerazione, recuperare al diritto chi ha obliato i doveri. Non pare che il potere legislativo si dia molto da fare per sanare questa vergogna, e la folla dei “delinquenti” continua a subire le angherie che il sistema le infligge. La società va difesa dai malevoli: sì! così dev’essere! Non importa se poi è la stessa società ad alimentarne le brutture. Attendiamo che il radicale Pannella venga raccolto stremato, anoressico, e a furor di popolo portato al Quirinale per imporre al Paese la strada dell’onore: strada obbligata che non conosce alternative oneste alle necessità impellenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi